DogSup: imbarco e sbarco in sicurezza dai pontili

I pontili sono piattaforme galleggianti o sorrette da palafitte collegate alla terra ferma. Permettono un comodo ingresso in acqua con lo stand up paddle. Sono frequenti in ambiente lacustre, fluviale e  portuale.

Si trovano di varia forma, dimensione e altezza dall’acqua. 

Con poco vento l’ingresso in acqua si effettua da qualsiasi lato, dal punto che ci è più comodo.

DOGSUP GRUPPO FACEBOOK

Quando tira vento le operazioni di imbarco e sbarco vanno pianificate in base alla sua direzione.

Facciamo un esempio:

Pontile galleggiante – Lago Sirio (To)

Il vento e le onde da nord investono il pontile nella direzione indicata dalla freccia. 

Il lato destro del pontile è detto sopravento perché è quello che il vento colpisce per primo.

Il lato sinistro è detto sottovento e come potete vedere dalla foto crea una zona di acqua calma nelle sue immediate vicinanze.

Entriamo in acqua sottovento. L’ingresso in acqua sopravento farebbe sbattere il SUP contro il pontile o peggio gli si potrebbe infilare sotto e le onde renderebbero tutte le operazioni più difficili. Il vento ci dà anche una mano ad allontanarci dalla piattaforma.

Passiamo al rientro al pontile dopo la navigazione. Un SUP risponde alla manovra impostata più rapidamente controvento. Meglio risalire il vento a bassa velocità arrivando in una zona sottovento con acqua calma che essere trascinati dal vento in poppa in direzione dell’approdo con il rischio di non riuscire a rallentare a sufficienza. La tavola non ha i freni come l’automobile! In una situazione come quella della fotografia accosteremo al pontile arrivando da sinistra.

Questo non è un invito ad entrare in acqua quando c’è vento forte ma è una valutazione che bisogna saper fare nel caso in cui il vento aumenti all’improvviso.

In imbarco e sbarco il comune denominatore è la sicurezza del cane, che si traduce nel trattenere saldamente la tavola al pontile mentre il cane sale e scende. 

Vediamo con due video l’imbarco e lo sbarco da pontile nel DOGSUP con condizioni meteo normali.

Nell’imbarco salirà sulla tavola prima il conduttore e inviterà il cane a seguirlo dopo essersi assicurato con le mani al pontile.

Imbarco da pontile

Al contrario nello sbarco scende prima il cane mentre il conduttore trattiene la tavola.

Ci avviciniamo al pontile con un angolo di 30-45 gradi rispetto al punto scelto per lo sbarco. La velocità dipende da direzione e intensità del vento, ma deve permettere di manovrare con sicurezza. Se andiamo troppo lenti non abbiamo abbrivio per manovrare, se andiamo troppo forti rischiamo l’impatto incontrollato.

A pochi metri dall’approdo sfruttando l’abbrivio della tavola si fa accostare il tail mettendo la pagaia in acqua dalla parte opposta della direzione di accostata (nel video potete vedere la pagaia in acqua a destra e il tail che va verso sinistra, un vero e proprio effetto timone): ci troveremo con il SUP parallelo al pontile, pronti per scendere.

Imbarco e sbarco, allontanamento e accosto al pontile sono operazione da effettuarsi in ginocchio. L’accosto al pontile avviene sempre lateralmente.

Sbarco su pontile

E’ Comodo invece far salire e scendere i cani dal nose quando ci muoviamo in acque basse e il conduttore ha la possibilità di scendere dalla tavola toccando il fondo con i piedi, come vediamo alla fine del terzo video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *