Guinzaglio resistente all’acqua: come costruirlo

Premessa della premessa: questo è un articolo da nerd della guinzaglieria

Premessa: questo è un articolo per gli smanettoni amanti del fai da te

Chiuse le premesse vi presento il risultato: un guinzaglio resistente all’acqua dolce e salata, ai raggi ultravioletti del sole, dotato di minuteria metallica che non si corrode e non si ossida neanche al mare.

DOGSUP GRUPPO FACEBOOK
Guinzaglio costruito con cavo in doppia treccia di poliestere e moschettone inox a sgancio rapido

Ecco la costruzione accelerata in un minuto e mezzo:

Video timelapse della costruzione del guinzaglio da acqua

La tecnica utilizzata è quella per impiombare i cavi in doppia treccia di poliestere.

Doppia treccia significa che il cavo è formato da un’anima interna e una calza esterna.

Il poliestere è resistente ai raggi UV, inattaccabile dalle muffe e ha un carico di rottura enormemente maggiore delle nostre esigenze cinofile. Ci sono altre fibre ancora più resistenti utilizzabili, ma a parte il costo più elevato richiedono anche strumenti diversi per costruire l’impiombatura.

Perché non fare un nodo al posto dell’impiombatura? Perché l’impiombatura non si scioglie, riduce in modo trascurabile il carico di rottura del cavo, è molto meno ingombrante di un nodo e nasconde entrambi capi liberi al suo interno.

Il moschettone da utilizzare in acqua salata deve essere costruito in acciaio inossidabile AISI 316, adatto all’uso in ambiente marino. I moschettoni INOX si trovano in ferramenta o nei negozi di forniture nautiche. Tra i moschettoni nautici ne esistono alcuni a sgancio rapido, utilizzati per alcune tipologie di vele e nello sci nautico. Sono ottimi ma un po’ più pesanti dei tradizionali moschettoni a forma di pera.

In acqua dolce si può utilizzare un moschettone in alluminio da arrampicata/alpinismo sensibilmente più leggero dell’acciaio inox.

Dopo ogni utilizzo in acqua è consigliabile sciacquare i moschettoni con acqua dolce e applicare su molle, perni e ghiere con una goccia di lubrificante protettivo.

Preferisco moschettoni con leva Keylock a quelli con leva tradizionale che si impiglia più facilmente nelle fettucce e negli anelli delle imbragature del cane.

Differenza tra leva tradizionale e leva keylock

Sostituendo il moschettone con un anello di acciaio inox al momento dell’impiombatura si ottiene un guinzaglio da retriever utilizzabile per il lavoro in acqua dolce e salata.

Parlando nello specifico di DogSup sappiamo che durante la navigazione il guinzaglio tradizionale è pericoloso perché in caso di ribaltamento può andare ad impigliarsi alla tavola o nelle zampe del cane impedendogli di nuotare. Per risolvere il problema mi sono costruito con la stessa tecnica una corto guinzaglio che non può interferire con il nuoto e che permette di gestire il cane a terra.

Guinzaglio corto che non interferisce con le zampe nel nuoto, mi dà la tranquillità di poter gestire sempre il cane a riva

Veniamo alla costruzione e come ogni buona ricetta iniziamo con la la lista degli ingredienti per impiombare i cavi in doppia treccia di poliestere:

  • Set di aghi da impiombatura, chiamati “fid”. Quelli più facilmente reperibili in Europa sono i fid norvegesi della Selma
  • aghi e filo cerato per impalmatura (ossia la legatura finale dell’impiombatura)
  • nastro isolante da elettricista
  • forbici
  • tagliere
  • pennarello
  • metro
  • pinza
  • cavo nautico in doppia treccia di poliestere del diametro che preferite (ho fatto guinzagli da 8, 10 e 12mm di diametro, il mio preferito su cani di taglia media rimane quello da 10mm)

I cavi in doppia treccia di poliestere non sono tutti uguali. Per i guinzagli preferisco cime morbide e flessibili rispetto a quelle più tenaci e rigide. Per fare un esempio pratico la Gottifredi Maffioli produce decine di cime nautiche tra cui ci sono la GM112 e la T90 entrambe in doppia treccia di poliestere. La T90 è una drizza, ovvero la cima che deve issare e sostenere la vela in testa d’albero. La GM112 è una scotta, ovvero la cima che maneggiate nel pozzetto della barca per variare la tensione della vela al vento (i velisti mi scusino per la semplificazione estrema, so che non è perfetta). La GM112 è morbida e flessibile, si impiomba con grande facilità. Con la T90 l’impiombatura è più faticosa.

Per ogni guinzaglio sono necessarie due impiombature: una con occhiello largo per realizzare la maniglia e una molto stretta per bloccare il moschettone. Ogni impiombatura “consuma” della cima. Partendo da uno spezzone di cima di due metri si costruisce un guinzaglio poco più corto di un metro e mezzo.

La procedura passo-passo per realizzare l’impiombatura è perfettamente spiegata in questo video di Premium Ropes. Anche io ho imparato così:

Ho studiato le prime tecniche di impiombatura partendo dai loro video e poi ho trovato piena spiegazione delle varie metodiche su due libri:

  • Alfredo Mosso – Il grande libro delle impiombature – Mursia
  • Jan-Willem Polman – Come impiombare i moderni cavi tessiliGuida pratica

il secondo è finalmente tradotto in italiano ed è acquistabile dal sito olandese premiumropes.com che propone anche Rope Splicing una App dedicata alle impiombature scaricabile per iOS e Android.
Se faticate a trovare le attrezzature per impiombatura perché vivete lontani da negozi specializzati in materiale nautico si possono acquistare dallo shop online di Premium Ropes.

Due libri sulle impiombature

Non vi nascondo che i materiali di qualità e le attrezzature per impiombare i cavi hanno un costo iniziale sensibile. Potete anche comprare dieci guinzagli cinesi allo stesso prezzo e buttarli via quando sono rovinati. Ma se vi piace il fai da te, se non sapete cosa fare in casa mentre siete in zona rossa, se siete una unità cinofila da soccorso acquatico e volete del materiale che vi molla sul più bello, se fate attività sportiva in acqua con il vostro cane… be’… costruirsi i guinzagli è una soddisfazione in più e le soddisfazioni non hanno prezzo.

BUON DIVERTIMENTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *