DogSup – L’attrezzatura per i cani

Per la gestione e la sicurezza del cane l’attrezzatura necessaria alla pratica del DogSup è costituita da:

  • Pettorina o imbragatura
  • Giubbotto galleggiante
  • Muta in neoprene

Pettorina o imbragatura

Hanno l’importante compito di permettere al paddler di issare il cane sulla tavola.

DOGSUP GRUPPO FACEBOOK

Per cani di piccola taglia lo sforzo è minimo e la manovra poco impegnativa. Recuperare dall’acqua un cane di 30-40kg prendendolo dal pelo è fattibile ma tutto si semplifica se il cane indossa la pettorina.

Tra quelle in commercio ritengo più adatte quelle ad “H” e quelle ad “Y” rispetto alle pettorine definite “norvegesi” perché il punto di presa è più arretrato (fattore che facilita il recupero) e tendono a sfilarsi di meno. Una pettorina norvegese è facilmente sfilabile in avanti quando si effettua una trazione della maniglia in direzione della testa del cane, esattamente quello che si fa quando si issa il cane sulla tavola. Inoltre trovo che le pettorine ad H e ad Y lascino maggiore libertà alle  articolazioni delle spalle del cane durante il nuoto.

Nel DogSup la pettorina è una necessità tecnica, non una scelta etica e preferisco recuperare un Labrador abbrancandolo della collottola e della groppa piuttosto che tirarlo dal collare

Fuori dall’acqua ci muoviamo con il guinzaglio da retriever, ma in acqua le necessità cambiano. 

Watson e Curry con una imbragatura da addestramento per soccorso acquatico

Il punto critico nel recupero del cane è portarlo con l’addome sulla tavola e le zampe posteriori ancora in acqua, da questo punto in poi prendendolo da pelo della groppa è facile da alzare.

Questa manovra è facilitata dall’uso dell’imbragatura che rispetto alla pettorina ha un anello posteriore supplementare. Queste imbragature però oltre ad essere costose sono di difficile reperibilità in commercio e sono utilizzate per lo più dalle scuole che addestrano i cani al salvataggio in acqua.

Nel video potete vedere il recupero di Curry che sale sulla tavola recuperata “a pelo”:

Recupero del cane senza imbragatura

Il giubbotto galleggiante

Non è essenziale per un cane nuotatore, ma in caso di condizioni ambientali difficili (vento, onde improvvise etc) darà al cane sicurezza ed un sostegno apprezzabile. Esistono due famiglie di giubbotti galleggianti: quelli ricreativi e quelli da soccorso. I primi sono leggeri e poco ingombranti, hanno fibbie in materiale plastico e velcro, una maniglia e un gancio sul dorso; i secondi danno maggiore spinta di galleggiamento ma sono più voluminosi, sono dotati di fibbie in metallo e accessoriati di fasce, fettucce e anelli inutili ai fini della pratica del DogSup.

Il giubbotto galleggiante unisce l’indispensabile maniglia per il recupero ad un aiuto al galleggiamento

Un fattore veramente importante per un giubbotto galleggiante ricreativo è la vestibilità, che sia comodo ma fasciante, che non costringa a tirare eccessivamente le cinghie per colpa dei materiali troppo rigidi, che arrivi fino all’attaccatura della coda e lasci libertà di movimento al collo; per i maschi verificate che le fasce di chiusura posteriori non vadano ad infastidire i gingilli di famiglia!

Potete approfondire l’utilizzo del giubbotto galleggiante in QUESTO ARTICOLO

Giubbotti galleggianti ben allacciati, pronti a partire

In navigazione il cane non deve indossare il guinzaglio!

In caso di caduta o ribaltamento della tavola deve essere libero di muoversi in acqua e se necessario allontanarsi. Il guinzaglio potrebbe incastrarsi nelle zampe impedendogli di nuotare, potrebbe impigliarsi alla tavola trattenendolo sotto il SUP ribaltato, potrebbe attorcigliarsi al leash del conduttore mettendo in difficoltà contemporaneamente cane e paddler.

IL CANE NON DEVE ESSERE VINCOLATO ALLA TAVOLA

In sostituzione del guinzaglio, pettorina e giubbotto galleggiante possono essere corredati da una fettuccia o cordino di modesta lunghezza, ancorati a strozzo o con un moschettone all’anello sul dorso. La lunghezza dipende dall’altezza del cane e non deve interferire con le zampe. Appena sbarcati sulla riva sarete a posto con la normativa che impone l’uso del guinzaglio.

Muta in neoprene per cani

La muta

La muta in neoprene è un interessante complemento alle attrezzature sopra descritte.

Nel periodo estivo è necessaria solo ai cani particolarmente freddolosi, ma per tutto il resto dell’anno darà protezione termica a tutte le razze mantenendo un’ottima libertà di movimento.

Fino a due anni fa era difficilissimo trovare una muta per cani, poi la Cressi, noto produttore di materiale subacqueo ne ha messa una in commercio di ottima fattura, con un occhio di riguardo alle taglie più piccole che sono quelle che più patiscono il freddo.

Per chi pratica il DogSup tutto l’anno è un ottimo investimento, al pari della muta per il paddler.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *